LA BRIGATA

U superchiu rumpe la pignata e lu cuperchiu…

Il superfluo, il troppo, il soverchio rompe la pignata ed anche il suo coperchio…

Così, con la stessa semplicità, senza troppi fronzoli, abbiamo scritto le nostre biografie.

GODETEVI LO SPETTACOLO PERCHÉ CI SARÀ DA RIDERE

FRANCESCA SOZZO

La mia prima esperienza con la cucina è stata una torta al cioccolato cotta con il Dolce Forno Harbert. Avevo 6 anni e a cena quella sera c’era il cugino di mio padre. Non mangia più nulla di ciò che cucino io. Ma non dategli retta. Non è mai stato male nessuno dopo le mie cene.

Questa sono io: giornalista, dalla nascita credo. E’ ciò che ho sempre voluto fare (tranne una piccola parentesi in cui ho pensato di fare l’archeologa). Mi mancano 7 esami alla Laurea in Scienze delle Comunicazioni, chissà magari sarà il mio prossimo obiettivo. E in questa esperienza di pignata.eu sono quella che avrà le mani in pasta.

FRANCESCA MARGARITO

A 4 anni ero già un’amante del computer e sapevo già che avrei parlato almeno due lingue straniere. E così è stato!
Una Laurea in Lingue, un Erasmus in Francia ed un Master Euromediterraneo in Cultura e Turismo in Slovenia mi hanno aperto gli occhi e messo in contatto con modi di vivere, culture e tradizioni differenti tra loro ma lontane solo qualche chilometro.
Ho proseguito con un Master in Social Media Marketing spinta dalla curiosità e dalla passione per il mondo digitale.
Il cibo per me è scoperta! Dietro ogni prodotto, dietro ogni ricetta si nascondono la storia, la cultura e le abitudini di un territorio.
E di fronte ad un buon piatto nascono le migliori idee.

FRANCESCO LUPERTO

Età maggiore di venti minore di 30. Professione filmmaker.
Laureato in cinema, master in filmmaking conseguito a Los Angeles, master in montaggio conseguito a Noci (provincia di Bari).
Vive e lavora a Collepasso da lui soprannominata Collywood.
Si appassiona alla cucina fin da quando suo padre gli insegna una delle più note ricette della tradizione italiana: l’uovo al tegame.
 L’amore per i fornelli raggiunge il suo apice durante la permanenza, del Luperto, a Roma laddove, fra caffè e salotti frequentati da artisti naif, mitteleuropei e meridionali, ha la possibilità di sperimentare ricette come “Pollo caramellato”, “Pasta barbine e yougurt”, “Pasta del parcheggiatore abusivo”.
E’ definito dal team di pignata.eu “il cinico” per ragioni tuttora ignote.
Elemento indispensabile del team e del progetto “pignata.eu” Luperto è il regista.

Pin It on Pinterest

Share This